best free magento theme

Vai al contenuto principale »

Il tuo carrello libri è vuoto

CONGIURE DI ROMAGNA. Lorenzo de’ Medici e il duplice tirannicidio a Forlì e Faenza nel 1448

Diventa il primo a recensire il prodotto

€ 24,00

Introduzione Veloce

Autore: Marco Pellegrini


pagine: 190

CONGIURE DI ROMAGNA. Lorenzo de’ Medici e il duplice tirannicidio a Forlì e Faenza nel 1448

Doppio click sull'immagine per vederla intera

Rimpicciolisci
Ingrandisci

Altre Viste

Dettagli

Lo studio analizza le tecniche della diplomazia adottate da Lorenzo de’ Medici nel corso dei tragici fatti romagnoli del 1488.

Con la positiva risoluzione di una crisi che aveva messo in dubbio l’influenza fiorentina nella regione, Lorenzo fu in grado di consolidare il dominio territoriale della Repubblica al di là degli Appennini, affermando nel contempo i principi della sua peculiare ‘politica dell’equilibrio’ nel quadro dei rapporti fra gli stati italiani dell’epoca

 

Indice del volume:

Introduzione - Lorenzo de' Medici e la crisi romagnola del 1448: la "politica dell'equilibrio" alla prova

 

Capitolo primo - La congiura di Forlì

1. La romagna dei tiranni come regione destabilizzante nel sistema intestatale italiano e le ambizioni di Girolamo Riario

2. Il collasso dello stato di Riario dopo la morte di Sisto IV e i prodromi del tirannicidio

3. L'assassinio di Girolamo Riario: una tragedia annunciata

4. Dopo la morte del conte Girolamo: il mantenimento dei Riario alla signoria di Imola e Forlì come conseguenza della "politica di equilibrio"

5. La riconquista di Piancaldoli: la tutela delle aree di confine dello stato fiorentino in età laurenziana

 

Capitolo secondo - La congiura di Faenza

1. I preliminari: il progetto di Giovanni Bentivoglio di assumere «il principato del ghoverno di Romagna»

2. Lorenzo de' Medici e Galeotto manfredi: limiti e ambiguità di un rapporto di protezione

3. Firenze sotto scacco: l'uccisione di Galeotto Manfredi

4. Il recupero fiorentino: la mobilitazione delle fazioni, il tumulto di faenza e la cattura di Giovanni Bentivoglio

5. Dietro le quinte: Lorenzo de' medici, Ferrante d'Aragona e la composizione per via diplomatica della crisi di Faenza

 

Capitolo terzo - La chiusura della crisi in Romagna e il rilancio della "politica dell'equilibrio" attraverso un "intelligenza segreta"

1. Strutture e insufficienze della "politica dell'equilibrio", così come si evidenziarono durante la crisis romagnola

2. La missione di Pierfilippo Pandolfini a Milano, o le fondamenta di un edificio incompiuto

 

Fonti e bibliografia

Indice dei nomi di luogo e di persona