best free magento theme

Vai al contenuto principale »

Il tuo carrello libri è vuoto

FRA I DANNATI DELLA TERRA. Storia della Legione Straniera

Diventa il primo a recensire il prodotto

€ 22,00

Introduzione Veloce

Autore: Gianni Oliva


Editore: Mondadori


Collana: Le Scie


pagine: 258

FRA I DANNATI DELLA TERRA. Storia della Legione Straniera

Doppio click sull'immagine per vederla intera

Rimpicciolisci
Ingrandisci

Altre Viste

Dettagli

Idealisti usciti sconfitti da una rivoluzione fallita, romantici perduti dietro un amore impossibile, balordi in fuga dalla giustizia, affamati in cerca di un lavoro e di uno stipendio: la Legione straniera è tutto questo, un miscuglio di uomini diversi per motivazioni e provenienze, ma tutti ugualmente irrequieti, malinconici, feroci.

Sin da quando venne costituita nel 1831 da re Luigi Filippo «Égalité», la Legione è stata lo specchio delle turbolenze del mondo: un reparto di volontari sradicati dalle proprie origini, senza famiglia e senza patria.

Non dei semplici mercenari, ma soldati che nella mistica combattentistica e nello spirito di corpo ritrovano un'identità.

Impiegati nelle «guerre sporche» dell'impero coloniale francese, dall'Algeria al Marocco, al Madagascar, all'Indocina, i legionari hanno scritto pagine drammatiche di storia militare, dove la violenza inflitta o subita ha assunto toni esasperati: quella di Algeri non è che la più nota di molte battaglie condotte senza pietà e senza tregua.

Dietro le rappresaglie brutali ci sono però storie insospettabili di uomini sconfitti alla ricerca di riscatto.

Gianni Oliva ne ripercorre le tracce, e ricostruisce le loro vicende come in un grande romanzo epico.

Sono storie di barricate e di passione, come quella risorgimentale di Carlo Pisacane, l'eroe biondo della spedizione di Sapri; di vitalismo irrequieto, come quella del veneziano Francesco Zola, futuro padre di Émile, ingegnere in cerca di nuove sfide professionali e ladro per amore, e di Curzio Malaparte, eclettico intellettuale, che partì volontario nel 1914.

E ancora storie di ribellione, come quella del principe reale Aage, che lascia la corte di Copenaghen per combattere con il képi bianco in Marocco; di fuga, come quella di Giuseppe Bottai, per vent'anni deputato e ministro fascista, e dopo il 1943 soldato semplice protetto dall'anonimato della Legione; di sfida e redenzione, come quella di Simon Murray, prima volontario in Algeria, poi finanziere ai vertici di una multinazionale.

Il legionario dannato, infelice e generoso, impersonato da celebri attori come Jean Gabin e Gary Cooper, ritrova in questo saggio i contorni storici entro i quali è maturata un'esperienza militare unica nel suo genere.

Oggi, chiusa l'epoca dell'impero coloniale francese, della Legione straniera, sotto il profilo militare, rimane ben poco: i suoi 7200 volontari operano come soldati professionali, impegnati nelle missioni multinazionali di peace enforcing e di peace keeping.

A spingerli all'arruolamento, forse ancora una volta l'immagine-simbolo del legionario in marcia sotto il sole del deserto, sferzato dal vento che leviga le rocce e i ricordi.

Indice del volume:

Introduzione

I. Alle origini della Legioe

- Luglio 1830, la conquista di Algeri; - Raffaele Poerio e gli scontri del '31; - Legionari, non mercenari; - Il battesimo del fuoco contro le tribù arabe.

II. Dalle barricate all'Algeria

- In Spagna tra carlisti e legittimisti; - Il legionario senza nome dell'Atlante sahariano; - Carlo Pisacane legionario per amore.

III. La mistica del combattentismo

- Crimea e Magenta, le prime autorappresentazioni; - In Messico nel nome dell'arciduca Massimiliano; - La hacienda di Santa Isabel, 30 aprile 1863; - Come nasce il mito di Camerone.

IV. Alla conquista dell'impero coloniale.

- Tra le risate del tonchino; - Dahomey 1892: La legione penetra nell'Africa nera; - La "strada della morte" del Madagascar; - La "ferocia" del legionario.

V. Dalle trincee delle Argonne alle Montagne del Marocco

- Gli assalti della Prima guerra mondiale; - Curzio Malaparte e la legione garibaldina; - La "pacificazione" in marocco tra l'Atlante e il Rif; - La legione al cinema Jean Gabin e Gary Cooper; - Il rivoluzionario russo e il nobile georgiano; - Il principe Aage di Danimarca, legionario di sangue reale; - In Siria contro i drusi.

VI. Una nuova ondata di reclute: la Seconda guerra mondiale

- Il reggimento di marcia dei volontari stranieri; - Al Circolo polare artico, tra i fiordi della Norvegia; - Contro Rommel nell'avamposto di Bir Hakeim; - Giuseppe Bottai, il ministro fascista diventato legionario; - La Legione di Sidi-bel-Abbés; - Tra alcol e bordelli.

VII. L'inferno di Dien Bien Phu

- Il nuovo Vietnam di Ho Chi Mihn; - La sale guerre; - La battaglia finale nel Tonchino.

VIII. La guerra d'Algeria

- Il Fronte di liberazione nazionale; - I legionari nella battaglia di Algeri; - Verso l'ammutinamento; - il putsch dei generali Salan e Massu, - Simon Murray, dalla Legione ai vertici della finanza.

IX. Con le missioni multinazionali

- La forza di rapido intervento; - Dal Ciad allo Zaire, dal Gabon al Mali; - La Legione straniera oggi.

Appendice

Note