best free magento theme

Vai al contenuto principale »

Il tuo carrello libri è vuoto

Il mito primordiale del cristianesimo. Fonte perenne di metafisica.

Diventa il primo a recensire il prodotto

12,00 €

Introduzione Veloce

Autore Mordini A.; pag. 55

Il mito primordiale del cristianesimo. Fonte perenne di metafisica.

Doppio click sull'immagine per vederla intera

Rimpicciolisci
Ingrandisci

Altre Viste

Dettagli

Mito e Cristianesimo: due esperienze incompatibili? Parola che rivela un fatto, annuncio, ecco il significato originale e proprio della parola greca Mythos. E considerato in questo senso, il mito non viene abolito dal Cristianesimo, viene bensì adempiuto in modo analogo (ma non identico) alla Legge Mosaica. Gesù ha detto: «Io non sono venuto per abolire la Legge e i Profeti, ma per adempierli» (Matteo V, 17). Possiamo perciò parafrasare il testo evangelico dicendo che Gesù non è venuto per abolire i miti, ma per adempierli nella Sua stessa vita terrena. E del resto, già nell’Odissea di Omero, è frequente l’espressione mython telein, adempiere il mito, adempiere la parola.

L'AUTORE

Attilio Mordini (Firenze 22 giugno 1923 - Firenze 4 ottobre 1966). Collaborò con vari periodici tra cui «L’Ultima», fondata da GIOVANNI PAPINI. Autore della voce Il lavoro in luce cristiana della Moderna Enciclopedia del Cristianesimo scrisse Il se¬gno della carne (Firenze, 1959) con lo pseudonimo di ERMANNO LANDI; Il Tempio del Cristianesimo: per una retorica della storia (Il Cerchio, Rimini 2006); Dal mito al materialismo, leggende e favole del mito umano in una metamorfosi eterna (Firenze, 1966, n. ed. Il Cerchio, Rimini 2007); Verità del linguaggio (Roma, 1974).