best free magento theme

Vai al contenuto principale »

Il tuo carrello libri è vuoto

Il segreto dei Trovatori - Sapienza e poesia nell'Europa medievale

Diventa il primo a recensire il prodotto

€ 16,00

Introduzione Veloce

Autore libro: Nuccio D'Anna ., Collana: HOMO ABSCONDITUS - Edizioni Il Cerchio, pagine 190.

Il segreto dei Trovatori - Sapienza e poesia nell'Europa medievale

Doppio click sull'immagine per vederla intera

Rimpicciolisci
Ingrandisci

Altre Viste

Recensioni

Dettagli

Uno degli aspetti piu' alti e meno conosciuti della cultura del Medioevo europeo e' la cultura dei Trovatori, cavalieri erranti e Cantori d'Amore che per alcuni secoli crearono la cultura comune delle diverse corti del tempo approfondendo i temi dell'Amore, del dovere, del significato della vita e della morte, per mezzo di un linguaggio ricco di aspetti segreti

Questo libro, accanto all'analisi letteraria e simbolica dei vari componimenti, ne evidenzia altresi' le connessioni storiche, culturali e spirituali che hanno reso i Trovatori non dei semplici compositori di corte, ma dei componenti importanti di un mondo i cui valori fondamentali sembrano molto vicini alle dottrine dei Sufi e persino a certe forme di spiritualita' che emergono nel ciclo del Santo Graal.

Riportare il simbolismo delle poesie trovadoriche in un contesto culturale e spirituale significa ridare alle poesie d'amore una vitalita' complessiva che il loro confinamento in una semplice attitudine cortigiana impedisce di vedere in modo adeguato e piu' rispondente alla realta' di quel tempo.

Indice del libro:

Introduzione

Capitolo primo: Alle radici della tradizione trovadorica

Capitolo secondo: valori cortesi e poesia

Capitolo terzo: Arte del trobar e poesia

Capitolo quarto: Gli inizi

Capitolo quinto: A fianco di re e imperatori

Capitolo sesto: Trovatori e Islam

Capitolo settimo: I regni di Spagna

Capitolo ottavo: Enrico II, il Graal e I trovatori

Capitolo nono: Notre-Dame de Le Puy

Capitolo decimo: Arnaud Daniel

Capitolo undicesimo:Trovatori e Cavalieri

Capitolo dodicesimo: Giullari e teatro

Epilogo