best free magento theme

Vai al contenuto principale »

Il tuo carrello libri è vuoto

Il sole delle Alpi. Mito, storia e realtà di un simbolo antico

Diventa il primo a recensire il prodotto

€ 18,00

Introduzione Veloce

Autore Libro: ONETO G., Collana QUADERNI PADANI, illustrato, pagine 166

Il sole delle Alpi. Mito, storia e realtà di un simbolo antico

Doppio click sull'immagine per vederla intera

Rimpicciolisci
Ingrandisci

Altre Viste

Recensioni

Dettagli

Il “Sole delle Alpi” compare con una certa costanza nelle cronache giornalistiche, spesso collegato all’utilizzo non sempre coerente che ne ha fatto un movimento politico e che lo ha sottoposto a ogni genere di interpretazioni, illazioni, informazioni faziose o malevole che ne hanno fortemente distorto i veri significati, che sono molto più antichi e profondi di quanto non lascino sospettare certi trattamenti piuttosto superficiali e “interessati”. Si tratta infatti di un simbolo solare che affonda le sue radici nella storia e nella cultura delle civiltà più antiche: lo si ritrova in numerose parti di mondo in epoche assai remote e con una continuità straordinaria. Questo libro vuole portare finalmente un po’ di chiarezza su un argomento che presenta aspetti di interesse che trapassano la cronaca un po’ capziosa e superficiale ma che sono collegati a robuste implicazioni simboliche e alla costante presenza del segno nell’iconografia identitaria prima ancora che politica. Se ne indagano i significati e le origini, si affrontano gli utilizzi cui è stato sottoposto in varie epoche e culture cercando di estrarne i significati più profondi che sono comuni a tutta la sua storia. Si esamina la sua presenza in Occidente nell’iconografia religiosa sia pagana che cristiana, fino ai suoi più recenti utilizzi “postmoderni” che lo hanno fatto tornare di attualità. Si spiega anche perché oggi prevalga la denominazione di “Sole delle Alpi” sulle decine di altre che ha conosciuto nel corso della sua storia millenaria, in ragione della sua particolare diffusione e popolarità proprio nell’area geografica e nelle comunità raggruppate attorno alle Alpi. La raccolta di fonti, di iconografia e di interpretazioni toglie il simbolo dalla pericolosa palude della banalizzazione partitica per riconsegnarlo al suo ruolo più nobile di simbolo antichissimo.