best free magento theme

Vai al contenuto principale »

Il tuo carrello libri è vuoto

La Morte di Re Artù.

Diventa il primo a recensire il prodotto

€ 22,00

Introduzione Veloce

Autore : Pseudo Walter Map (XIII secolo)., Collana HOMO ABSCONDITUS, edizioni Il Cerchio, pagine 260

La Morte di Re Artù.

Doppio click sull'immagine per vederla intera

Rimpicciolisci
Ingrandisci

Altre Viste

Recensioni

Dettagli

Il Ciclo del GRAAL rappresenta oggi la più celebre ed amata Epica dell'Europa medievale, constantemente riproposta al cinema, in romanzi fantasy, in giochi di ruolo e in musica.

Questo testo rappresenta la più matura e completa stesura tardomedievale del Ciclo del Graal, incentrato attorno alla figura di Re Artù, alle sue lotte ed alla sua eroica battaglia finale, che lo lasciò ferito ma non morto, e pronto a ritornare nel mondo quando questo avrà bisogno della sua spada e della sua giustizia.

Alla fine del XIII secolo, gli ambienti monastici cistercensi inglesi misero mano ad una complessiva riscrittura del Ciclo Graalico-arturiano; questo testo, a lungo erroneamente attribuito al chierico Walter (o Gautier) Map, ne rappresenta il capitolo finale.

Un'apocalisse arturiana dal fascino sempiterno.

Indice del volume:

Prefazione di Adolfo Morganti

L'opera e i suoi tempi

  • La morte di Re Artù ed il Lancillotto in Prosa;
  • La morte di Re Artù

Note sull'autore: Testo comunemente attribuito a WALTER MAP (1135-1210) di nobile e ricca famiglia gallese; a parigi studiò teologia e ricevette gli ordini minori e tornato in patria, fece parte della corte di Enrico II d'Inghilterra (1154-1189) che lo nominò giudice.

Conobbe Thomas Becket e fu canonico di San Paolo a Londra, partecipò al Concilio Lateranense III, tenutosi a Roma nel marzo 1179; fu arcidiacono di Oxford fino al 1196 e canonico della cattedrale di Hereford.