best free magento theme

Vai al contenuto principale »

Il tuo carrello libri è vuoto

Lo zibaldone del pessimismo e della reazione.

Diventa il primo a recensire il prodotto

€ 15,00

Introduzione Veloce

Autore Zanghi D.; pag. 190

Lo zibaldone del pessimismo e della reazione.

Doppio click sull'immagine per vederla intera

Rimpicciolisci
Ingrandisci

Altre Viste

Dettagli

Dal riconoscimento, su di un piano metafisico, del carattere maligno dell'essere, il pessimismo conclude all'annichilimento come unica Σωτηρία (Soteria) possibile.

Ci si aspetterebbe allora dal pessimista che si adoperi praticamente al compimento di una siffatta salvezza; ma quando in gioco v’è la vita stessa le cose non vanno deduttivamente da sé, e chi pretendesse legiferare su di essa deve prepararsi a conoscerne la ribellione o perlomeno il rimprovero e con esso il rimorso. Il pessimismo dell’autore oscilla come un pendolo tra la soluzione reazionaria (qui intesa come il solo illuminato governo degli uomini che saprebbe indirizzarli alla loro salvifica destinazione, al Nulla) e un progetto fondato sul concetto di pietà, che vincendo l’ostinatezza della negazione si impegni a rafforzare la piccola barca dell’individuazione personale e collettiva sulla quale, in mezzo al capriccioso mare dei fenomeni, si mantengono queste creature e questi popoli di un giorno

 

L'AUTORE

Daniele Zanghi, dopo essersi diplomato al liceo Chateaubriand di Roma, ha conseguito due titoli di laurea a Parigi, in filosofia (Paris IV Sorbonne) e in scienze politiche (Sciences Po). Attualmente soggiorna a Jena (Turingia) al fine di approfondire lo studio dell'Idealismo tedesco nel quadro di un doppio titolo di laurea magistrale con l'università La Sapienza di Roma